Storia

Il lavoro ha subito diversi mutamenti nel corso dei secoli e le leggi che oggi tutelano questo importante diritto sono il frutto di rivolte dei lavoratori nel corso degli anni.

Dati importanti: Alto Medioevo, 1500, 1700, 1824, 1860, 1861, 1870, 1901, 1919, 1944, 1950, 1980, 2008, 2018.


Alto Medioevo XI sec.

Durante l'età comunale nascono le prime botteghe in cui è presente la figura del lavoratore apprendista il quale impara il lavoro dal maestro e si ha una prima forma di tutela dei diritti.

foto medioevo

1500

Nel Rinascimento mutò la concezione del lavoro e del guadagno dovuto al cammino di rinascita avviato dopo il periodo della Peste Nera da artigiani, mercanti e banchieri.

artigiani

1700

Durante la rivoluzione industriale grazie alle nuove scoperte tecnologiche come la macchina a vapore il lavoro maggiore è quello nelle industrie, provocando così lo spostamento di una grande massa di persone dalle campagne alle città.

foto industria

1824

In Gran Bretagna nascono i Trade Unions.
Associazioni sorte tra la fine del XVIII° e l’inizio del XIX° sec. per iniziativa di lavoratori specializzati, con lo scopo di difendere le proprie prerogative professionali minacciate dallo sviluppo del sistema di fabbrica.

fotosindacatiinglesi

1860

Con la nascita del capitalismo industriale, le industrie hanno cominciato a produrre una notevole quantità in più di merci che ha portato ad una crescente accumulazione della ricchezza.

fotoindustria

1861

Al momento dell'unficazione dell'Italia, lo sviluppo dell’economia capitalistica è fortemente in ritardo rispetto a quella degli altri paesi europei per una serie di circostanze: la carenza di capitali, la scarsità di materie prime e la mancanza di un grande mercato.

foto-italia

1870

Dato che l'italia era priva di una vera base industriale, presentava un'economia profondamente differenziata da zona a zona; al nord il quadro industriale era abbastanza solido, al centro l’agricoltura rimaneva l’unica fonte di profitto per la popolazione, mentre al sud imperava ancora il latifondo, e in generale una debolissima economia di sussistenza.

foto

1901

La Festa del lavoro o Festa dei lavoratori viene celebrata il 1º maggio di ogni anno in molti paesi del mondo per ricordare la lotta dei lavoratori per la riduzione della giornata lavorativa.

festa lavoro

1919-1920

Nel periodo ricordato come biennio “rosso” la classe operaia esplose con scioperi e dimostrazioni nelle fabbriche italiane contro i tagli degli stipendi e le serrate.

foto

1944

La CGIL, organizzazione generale del lavoro, è nata in seguito all'accordo (patto di Roma) tra i dirigenti delle principali correnti sindacali. Ebbe una prima struttura organizzativa al congresso di Napoli (1945) che ne approvò anche lo statuto; dopo la Liberazione accolse tutte le organizzazioni sindacali dell’Italia del Nord, attuando il principio dell’unità sindacale indispensabile per il successo delle coalizioni operaie.

fotoCGIL

1950

Il 9 Gennaio la CGIL ha indetto uno sciopero per protestare contro i licenziamenti di oltre 500 operai metalmeccanici delle Fonderie Riunite. Per impedire l'occupazione della fabbrica, gli agenti della Polizia di Stato spararono contro i manifestanti, uccidendo sei operai e ferendo circa 200 persone.

foto

1980

A Settembre di questo anno nasce Solidarność, (Sindacato Autonomo dei Lavoratori "Solidarietà") è un sindacato libero fondato da Lech Walesa a Danzica in Polonia e fu la prima organizzazione sindacale indipendente dal regime sovietico.

fotosindacato

2008

L’impatto sull’economia reale di una crisi originatasi nella sfera finanziaria inizia a dispiegare inesorabilmente i suoi effetti nel mercato del lavoro, la crisi ha innescato un insieme di ingranaggi che hanno portato al fallimento delle imprese, in particolare in ambito edilizio, e al conseguente licenziamento di molti lavoratori.

foto

2018

Oggi non è semplice trovare lavoro perché da un lato è aumentata l'età della pensione e i posti non si liberano altrettanto facilmente come in passato, dall'altro invece gli imprenditori chiedono ai giovani una maggiore esperienza lavorativa.

foto